economia · efficienza · media · statistica

Perché gli stupidi si credono intelligenti?

Vi è mai capitato di incontrare dei perfetti idioti che si credono dei portenti di intelligenza? Sicuramente sì.

Potrebbe esservi anche capitato di essere sicuri di avere capito tutto su un certo tema, ma -con il senno di poi- realizzare di esservi illusi di capire, quando in realtà avevate capito poco o niente.

Si tratta di un tema molto generale: noi esseri umani siamo capaci di essere obiettivi su noi stessi e sulla nostra intelligenza? La risposta giusta è: no.

In particolare, quanto più qualcuno è incompetente su un certo tema o in una certa attività, tanto più crede di essere più bravo di quel che è. Invece quelli più competenti e intelligenti tendono a “fare i modesti”, cioè sottostimano la loro competenza e intelligenza.

L’effetto per cui se sei stupido e/o scarso su un certo tema non sai neanche di esserlo si chiama “effetto Dunning/Kruger”, dal nome dei due psicologi che ne hanno dimostrato la presenza attraverso una serie di esperimenti.

Dunning_Kruger_effect

Si tratta in buona sostanza di una “stupidità al quadrato”, in quanto sei stupido e lo sei talmente tanto da non capire di esserlo.

D’altro canto, il fatto che quelli competenti e intelligenti siano modesti sulla loro performance e sul loro quoziente d’intelligenza si può spiegare così: costoro spesso ritengono che la bravura degli altri sia paragonabile alla loro, e dunque non pensano di essere così bravi.

La prova di ciò? Dunning e Kruger mostrano che, se ai più bravi fai vedere qualcuno dei compiti fatti dagli altri, quelli bravi capiscono meglio e diventano meno modesti e più obiettivi, in quanto si rendono conto con chi hanno a che fare!

Invece l’incompetenza è una specie di orrido buco nero: se in un esperimento fai vedere ai somari i compiti fatti dai più bravi, i somari continuano a pensare di essere meno somari di quel che sono, perché non riescono a comprendere la differenza tra compiti fatti bene e fatti male.

Questa ricerca è illuminante e preoccupante nello stesso tempo: se non riesci ad allenare i somari, questi resteranno tali, perché continueranno a pensare di essere dei geni, o quasi.

Dentro l’effetto di Dunning e Kruger c’è anche lo spazio per la vita faticosamente invidiosa di Antonio Salieri: se sei bravo ma non un genio, capisci con tremenda precisione chi è il Mozart davanti a te, senza essere salvato dalla nebbia incosciente della stupidità.

 

[Questo pezzo si basa su un precedente pezzo che avevo scritto per Linkiesta, disponibile qui]

Per chi vuole saperne di più:

Justin Kruger e David Dunning [1999]. “Unskilled and unaware of it: how difficulties in recognizing one’s own incompetence lead to inflated self-assessments.” Journal of Personality and Social Psychology 77(6) (1999): 1121-1134.

8 thoughts on “Perché gli stupidi si credono intelligenti?

  1. Davvero illuminante!
    Mi chiedo cosa noteremmo se mettessimo in relazione l’effetto Dunning/Kruger con il successo, inteso come capacità di prendere decisioni corrette.

    Mi piace

  2. si, io aggiungerei anche alcune altre considerazioni.Partirei dal famoso detto di Socrate “più so più, so di non sapere”, che già di per sè fornisce un altro pezzo di spiegazione del fenomeno descritto, almeno per i sapienti; cioè per coloro che hanno una solida base culturale e la sanno anche usare. Perchè in questi casi non si può solo parlare di intelligenza e stupidità ma anche di conoscenza e ignoranza. Quindi la modestia della persona intelligente e colta è anche nel rendersi conto della propria ignoranza. Parafrasando il detto di Socrate, girandolo al contrario, si può arrivare al “meno so, più penso di sapere” che secondo me è la chiave più appropriata per interpretare il fenomeno descritto. Infatti mentre la persona colta e intelligente (o anche solo intelligente, tanto da rendersi conto dei limiti della propria conoscenza) avrà sempre dei dubbi legati proprio alla sua formazione e alle sue conoscenze che sa essere comunque limitate e minime di fronte allo scibile umano, il cretino e poco colto (o anche solo cretino, che pensa di sapere tutto) applica in modo inconsapevole il detto nella versione rigirata. In poche parole se si ha un orizzonte limitato dalle poche cose che si sanno (e non si è aiutati dall’intelligenza e dalla curiosità del conoscere) si può facilmente scambiare le quattro cose che si sanno con la gran parte del sapere.

    Mi piace

  3. Povero Salieri, dipinto come un povero invidioso da chi della musica ha evidentemente orecchiato qualcosa assistendo al film di Milos Forman, bellissimo ma storicamente totalmente irreale. Evidentemente chi ha scritto non ha ritenuto di provare ad applicare a se stesso le teorie che descrive.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...